La scuola brasileira

Posted on Updated on

Oi!

Oggi, 15 di novembre, in Brasile è il giorno della Proclamazione della Repubblica e in questo post vi parlerò di una delle parti più importanti dell´esperienza di scambio culturale che sto facendo con AFS-Intercultura: la scuola.

Una delle prime cose che io notai quando arrivai in Brasile è che l´educazione di buona qualità non è un servizio a disposizione di tutti, in quanto la scuola pubblica non è dotata di mezzi economici e la professione dell´insegnante è una delle meno retribuite nell´ambito pubblico. Detto ciò voi direte: ´´ma come? In Italia è la stessa cosa! non cambia niente!´´. Posso assicurarvi che in Italia non è cosí, dato che -fortunatamente- da noi se uno studente si impegna ha la possibilità di frequentare scuole pubbliche anche molto buone. Viste le molte lacune dell´Ensino Medio Pùblico brasiliano, le famiglie che godono di una buona condizione economica mandano i propri figli nelle costose scuole private senza pensarci due volte e una gran parte del bilancio familiare è destinata a coprire le spese scolastiche.

Dal mese di agosto fino al 17 ottobre 2013 i professori dello Stato del Mato Grosso -come anche quelli di altri stati brasiliani- hanno incrociato le braccia per esigere una maggiore considerazione da parte del governo e un conseguente aumento salariale; uno sciopero di 67 giorni i cui risultati probabilmente porteranno a un graduale miglioramento del livello d´istruzione (su questo argomento scriverò un post tra non molto). Il Brasile è un paese in via di sviluppo e con esso sta progredendo anche il sistema educativo, ma sono ancora molti i passi avanti che si devono fare. Riguardo a questo, se volete, vi consiglio di vedere un video della BBC:

Quindi, a causa di questo sciopero delle scuole pubbliche, quando sono arrivato a Barra do Garças ho dovuto optare per una scuola privata cattolica.

Frequento l´Instituto Madre Marta Cerutti, membro dell´RSE (Rede Salesiana de Escolas). In Brasile non esiste la ripartizione in scuole elementari, medie e superiori; qui la struttura del sistema educativo si divide in Ensino Fundmental (obbligatorio, va 7 a 15 anni di etá), Ensino Medio (va da 16 a 18) e Universidade (normalmente dura 5 anni). Nel Madre Marta io sto studiando nel secondo anno dell´Ensino Medio a partire dal mese di febbraio frequenteró il terzo.

Qui una foto di una esibizione di capoeira nella palestra aperta della mia scuola:

Image

Una delle differenze più grandi che io ho notato tra la scuola italiana e quella brasiliana è il rapporto che si crea tra studente e professore. Ad esempio in Brasile il professore chiama gli alunni per nome e allo stesso modo gli alunni chiamano il prof per nome (se non addirittura per soprannome) e non è cosa rara conversare, abbracciare e scherzare con l´insegnate. La relazione docente-discente è molto più informale, rilassata e confidenziale rispetto all´Italia e questo, a mio parere, aiuta i ragazzi ad apprezzare maggiormente le persone che li stanno aiutando ad affrontare il proprio percorso di studi. Addirittura a me è capitato che il mio prof di di storia mi ha regalato un libro sulla segregazione e il genocidio delle popolazioni indigene brasiliane con tanto di dedica.

Dopo un punto a favore delle scuole brasiliane, arriva il momento di concederne uno a quelle italiane: mentre in Italia lo studente puó scegliere se frequentare un liceo, un tecnico o un professionale, in Brasile non ha questa possibilità e le scuole secondarie (Ensino Medio) hanno tutte la stessa offerta formativa, le stesse materie e gli stessi programmi di massima.

Le materie che io studio nell´IMMC sono matematica (4 ore settimanali), fisica (4 ore), chimica (4 ore), spagnolo (1 ora), inglese (1 ora), biologia (3 ore), storia (2 ore), sociologia (1 ora), filosofia (1 ora), portoghese (4 ore + 1 ora di redação, ovvero laboratorio di scrittura), educazione fisica (1 ora) e religione (1 ora). Abituato ai difficili studi linguistici e grammaticali del liceo classico, non ho avuto molti problemi a imparare una lingua nuova e nella verifica di portoghese ho preso uno dei voti più alti della classe. Non posso dire la stessa cosa per chimica, materia in cui il programma brasiliano è molto più complicato rispetto a quello italiano.
La mia classe brasiliana è fantastica, ho fatto amicizia molto rapidamente con i miei compagni e spesso capita di dover fare con loro progetti e presentazioni.

Spero che leggere il mio post non vi abbia annoiato e ATÉ LOGO!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s